lunedì 23 giugno 2014

Un, due, tre....Piada!!!




Cosa c’è di più rappresentativo dell’estate se non il cibo di strada?

Che, siamo d’accordo, va bene tutto l’anno, ma è indubbio che il suo consumo raggiunge l’apice nel periodo vacanziero-estivo, in un tripudio di passeggiatine o sieste all’ombra, smangiucchiando deliziosi scartocci ripieni di tradizionali bontà.

E l’immagine simbolo di questa sublime tradizione in quel della mitologica Romagna-by-summer è in assoluto lei, la Piadina!



Su questo tema ci si sfida in questo MTC di un Giugno che a tratti pare infuocato anche nelle temperature: la fantastica Tiziana de “L’ombelico di Venere" , vincitrice della scorsa sfida, ci ha svelato il segreto per ottenere delle AUTENTICHE piadine romagnole tra le nostra quattro mura, anche se distiamo centinaia di chilometri da quel tratto di costa che racchiude in sé forse il significato più vero della parola ESTATE!!

Ci sono stata una volta laggiù, a Misano Adriatico, tanti anni fa, che mi sembrano vite fa….

Ma ne ho un ricordo da favola, dai contorni soffusi ma nitidi nella loro piacevolezza: ora, non me ne vogliate per l’affermazione forse esagerata, ma davvero pensare a quella breve vacanza mi suscita arie felliniane, atmosfere quasi oniriche, sicuramente indimenticabili.

Ovvio che regina incontrastata della vacanza fu sicuramente la nostra protagonista del mese: gustare le vere piadine nei tantissimi chioschi sul lungomare…bè…. è una cosa che trascende la piacevolezza, diventa quasi un rituale imprescindibile.

Ora, ritrovare nell’ impasto casalingo quelle atmosfere è stato un tuffo nel passato, che mi ha fatto pensare che sicuramente ci dovrò tornare, d’altra parte la riviera romagnola è perfetta anche per le famiglie, no?!?


E quindi ho improvvisato il mio mini-chiosco domestico, e sul mio menù compaiono una piadina di carne, una di pesce e una in versione dolce; ad accompagnare birra chiara come se piovesse, come là in riviera romagnola, d’altra parte tutti quei tedeschi dovranno pur dissetarsi, giusto?!?


IMPASTO BASE PER LA PIADINA, come indicato da Tiziana
Per 6 piadine
500gr farina 00
125gr acqua
125gr latte parzialmente scremato fresco
100gr strutto
15gr lievito per torte salate (ma va bene anche quello per dolci)
10gr sale fine
1 pizzico di bicarbonato di sodio



Io ho usato la planetaria: ho messo tutti gli ingredienti nella ciotola (lo strutto estratto dal frigo mezz’ora prima dell’utilizzo) e li ho impastati col gancio impastatore per 8 minuti circa, fino a quando l’impasto è risultato omogeneo.
Ho poi coperto con pellicola e posto al fresco (max 20°) per 48 ore.
Come dice Tiziana, se fosse più caldo, conservare il tutto in frigo ed estrarre 2 ore prima di utilizzare.

DOPO 48 ORE
Ho diviso l’impasto in 6 parti, formando delle palline che ho lasciato riposare per mezz’ora abbondante.
Poi, spolverando il piano di lavoro con poca farina, ho appiattito le palline con le dita e poi le ho spianate col mattarello ricavando dei dischi.
Ho scaldato una larga padella antiaderente sul fornello a 2 fuochi, disponendo anche lo spargi fiamma, su fiamma medio-bassa: ho quindi cotto le piadine per pochi minuti prima da un lato, poi dall’altro, sempre controllando il fondo alzandole con una paletta.
Una volta cotte le ho impilate una sull’altra per mantenerle tiepide.

LE MIE FARCITURE




Piadina nr. 1: “L’ AROMATICA”




Questa piadina è stata farcita con:

* Spuma di burrata (ottenuta lavorando una burrata di circa 150gr con il frullatore ad immersione, fino a quando si ottiene un composto liscio, morbido e cremoso) aromatizzata con sale affumicato;
* Punte di asparagi sbollentate, poi passate sotto acqua fredda e ben asciugate;
     * Petto di tacchino al pepe rosa (cuocere alla piastra le fette di petto di tacchino, poi tagliarle a quadratini. Fare un’emulsione con olio evo, succo di limone, alloro, sale, pepe, abbondante pepe rosa, aggiungere il tacchino, mescolare bene e lasciare riposare una notte in frigorifero).


        Piadina nr. 2: "LA MARINARA"





Questa piadina è stata farcita con:

* Prescinseua (quagliata, o cagliata, genovese, dal sapore leggermente acidulo), lavorata con foglie di basilico spezzettate (a mano), aglio tritato, sale, pepe.
* Fette di melanzane, appena infarinate (con un pizzico di sale) e fritte in olio evo.
     * Pesce Castagna marinato (per qualche ora) in olio evo, succo di limone, poco sale e peperoncino macinato.

Il     Il pesce Castagna è un pesce molto diffuso, anche nel Mediterraneo, è un vorace predatore, quindi le sue carni bianche sono sode e gustose. Fornito in tranci, ne ho ricavato delle striscioline da marinare.


     Piadina nr. 3: "LA GODURIOSA"





Potevo forse prescindere dalla piadina alla Nutella?!?
Sicuramente no, ma ci ho messo del mio.

Questa piadina è stata farcita con:
* Nutella; 
* Ciliegie (del nostro albero) sotto Rum e cannella (autoprodotte secondo questo metodo): ho scolato appena le ciliegie, le ho denocciolate tagliandole a metà e lo ho disposte sopra allo strato di Nutella.



Ecco qui le mie proposte per questo mese di Giugno, che fra deliri di salute e compleanno del Pargolo è stato fino ad ora un po’ incasinato.

Ma sono contentissima di essere riuscita a piadinare come volevo: grazie ancora a Tiziana per la grande idea e per la fenomenale ricetta!!!!!

Con questo piada-menu partecipo all’ MTC di Giugno:




E   E per chi non ne avesse ancora abbastanza della carica di piadine in concorso, vi ricordo che in contemporanea con i Mondiali di calcio Brazil 2014 si sta svolgendo il campionato di piadine più folle che esista: seguite tutti gli scontri, sempre su www.mtchallenge.com , aspettando la proclamazione del Re o della Regina delle Piadine!!!!!



20 commenti:

  1. per me sono goduriose tutte e tre...... ciao Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh!!
      Grazie per la fiducia Flavia!!

      Elimina
  2. che goduria complimenti non vedol'ora di provarle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Veronica!!!
      Fammi sapere se sperimenti ;-)

      Elimina
  3. Il pesce castagna??? E qui da noi, come si chiamerà? Rimedio con quella alla nutella e ciliegie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle varie declinazioni del pesce castagna non so nulla, zero assoluto!!!
      Ma un ottimo spada va benissimo ugualmente...almeno quello è lo stesso da tutte le parti!! ;-)

      Elimina
  4. Se non fosse che ho deciso di stralciare la parola piadina dal mio vocabolario gastronomico per minimo un mese mi metterei subito a provare le tue farciture...da paura!!!
    Bravissima e in bocca al lupo per l'MTC :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!
      E già...le piadine danno dipendenza.... anche io per un po' però mi asterrò!!

      Elimina
  5. nutella e ciliegie!!!!!!!!!!!! io voto nutella e ciliegie, mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha!!! Brava Lara, viva la golosità!!!

      Elimina
  6. Ma grazie per aver provato con fiducia la mia ricetta, sono felice se ti ha fatto tornare alla mente le vacanze in riviera, e certo.. la romagna è perfetta anche per le famiglie!! Bellissima l'idea di nominare le piadine d'altronde in tutti i chioschi hanno il loro nome. Per me una aromatica grazie, tutte ottime a dire il vero ma la prima che vorrei provare è questa, con una deliziosa spuma di burrata e quel tacchino lasciato marinare!! Anche la marinara.. una bontà!! complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, comanda presa!!
      Grazie a te Tiziana, d'ora in avanti quando avrò voglia di piadina vera non avrò che da riprendere la tua ricetta!!!

      Elimina
  7. Una meglio dell'altra, ma la mia preferita è sicuramente l'aromatica! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara!!
      Il tacchino al pepe rosa è una vecchia conoscenza, d'estate mia mamma lo faceva spesso, così ho pensato di rispolverarlo in versione piadina, e ne sono stata molto contenta!!!

      Elimina
  8. E qui la scelta è ardua: l'aromatica ha forse i miei sapori preferiti, ma poi arriva una piada con la nostra prescinseua, che solo chi l'ha assaggiata sa quanto è buona... poi il dulcis in fundo. Vabbè, devo proprio scegliere?!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh...veramente no Vale, te le mangi tutte e tre e risolvi il problema!!
      Grazie cara!

      Elimina
  9. Tutte e tre belle , ma io scelgo l'inedita e cioe' con la nutella e ciliege.
    Bravissima
    A Presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento di dire..... ottima scelta!!!
      Grazie ;-)

      Elimina
  10. Le salate me le mangerei ora pura avendo cenato: tra la spuma di burrata, il sale affumicato e il pesce castagna affumicato un trionfo di sapori! Buona serata cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha!! Grazie Cristiana!! E' vero.... le piadine sono quelle cose che ti prendono per la gola, qualunque ora sia e qualunque cosa si sia già ingurgitata!!! :-)

      Elimina