martedì 16 gennaio 2018

Il cheesecake di Drugo - #mtc69




Si dice che l’ispirazione in cucina sia fondamentale tanto quanto le capacità tecniche.
Ecco, diciamo che nel mio caso l’ispirazione è decisamente superiore al resto.



Intendo dire, se mi devo confrontare con qualche argomento o qualche tematica gastronomica la prima sensazione che avverto, la prima strada che mi viene da seguire è sempre e comunque quella che finirò per percorrere.
In mezzo c’è un po’ di immancabile brainstorming, per carità (fa pure professional) però alla fine vado a finire là dove mi ha portato inizialmente il cuore dello stomaco.

E’ capitato anche nel caso della prima sfida MTC del 2018: il tema della cucina alcolica scelta da Giulia, incentrata sulla trasposizione dei cocktail in piatti dolci o salati, ha immediatamente solleticato i due neuroni rimandandomi ad una immagine ben precisa.

Quella di Drugo e del suo immancabile White Russian.


Ora, se dico Drugo la gente mentalmente instabile o comunque incline all’elogio della demenza surreale/reale sa al volo di cosa si sta parlando: ma per la restante triste parte di popolazione che ignora a cosa mi stia riferendo suggerisco la visione de “Il grande Lebowski” dei fratelli Coen (che noi, inutile dirlo, adoriamo!).

Capolavoro con cast stellare, tra cui spicca il Drugo (Jeff Bridges), meraviglioso pigro cialtrone ex-hippie, perennemente in maglione sformato, maglietta della salute e ciabatte, sempre accompagnato dal suo bicchierozzo di White Russian.




Cocktail che in effetti, per mio gusto, assaporerei giusto al posto del dessert, o comunque nel dopo cena e che quindi per me è stato un attimo associare proprio ad un dolce da servire nel bicchiere.

Niente di nuovo, mi rendo conto (il guizzo fantasioso ha latitato parecchio), ma un onesto White Russian in versione cucchiaiabile e adeguatamente alcolico (non una roba da stordimento, insomma….per quello si rimanda all’aperitivo, alla cena e all’ammazzacaffé): ho infatti modificato le proporzioni del liquore al caffè e della vodka rispetto alle dosi del cocktail originale proprio per non caricare eccessivamente il dessert (e i suoi consumatori…).

Colgo l’occasione per ringraziare il Drugo di casa mia, che si è gentilmente prestato per posare nelle vesti che gli sono più congeniali.




DRUGO’S CHEESECAKE
(per 4/5 bicchieri)

Per la base:
80gr biscotti tritati (io ho usato i Digestive)
40gr burro fuso
1/2 cucchiaini di caffè concentrato
1/2 cucchiaini di vodka
Per la crema:
200gr formaggio spalmabile
70gr zucchero semolato
200ml panna montata
100ml liquore al caffè
50ml vodka
15gr colla di pesce

Tritare i biscotti, amalgamarli uniformemente con il burro fuso e i liquidi (caffè+vodka): ottenere un impasto omogeneo e morbido. Distribuire sul fondo dei bicchieri, pressare leggermente e riporre in frigo.
Mescolare quindi il formaggio con lo zucchero fino a incorporarlo bene.
Prelevare 2/3 cucchiai di panna, scaldarla appena in un pentolino e sciogliervi 10gr di colla di pesce precedentemente ammollata in acqua fredda e ben strizzata. Fare stemperare.
Intanto montare la restante panna, aggiungerla piano al composto di formaggio, infine unire la panna con la colla di pesce.
Parte di questa crema bianca servirà per il topping dei bicchieri, quindi prelevarne la quantità necessaria e tenere da parte.
Procedere quindi scaldando leggermente il liquore al caffè e la vodka, farvi sciogliere i restanti 5gr di colla di pesce precedentemente ammollati e fare stemperare.
Versare quindi nella crema e mescolare con delicatezza fino ad ottenere un composto liscio che si addenserà poi correttamente in frigorifero.
Riempire quindi i bicchieri con la crema al caffè e completare con il topping bianco.
Mettere in frigo per circa 4 ore ore ed estrarre almeno mezz’ora prima di consumarli.



Grazie a Giulia per questa sfida decisamente "spiritosa"!!!
Con questa proposta partecipo all' MTC#69 !



9 commenti:

  1. A volte sei tu che mangi l'orso e a volte è l'orso che mangia te. A volte sei tu che prepari questa cheesecake e quelle volte me la mangio tutta io.
    Voglio morirci in quel bicchierino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Greta!!! Sei dei nostri!!!

      Elimina
  2. Tu pensa che io sono ancora più malata di mente e prima di pensare al mitico Grande Lebowsky, pensavo tu avessi fatto una ricetta ispirata al Latte+ di Arancia Meccanica (che per altro non credo abbia proprio una ricetta, come dire, legale) :D
    Ma poi sono rinsavita e ho capito a quale Drugo facessi riferimento, e devo dire che hai fatto onore al White Russian sempre ben stretto fra le mani di quel pazzo ed adorabile personaggio.
    Mi piace che tu abbia mantenuto l'idea del bicchiere e anche la "cremosità" che il cocktail ha già di per sé. Sei assolutamente entrata nello spirito della sfida, perché non solo hai destrutturato ereticamente, ma sei stata fedele anche al momento in cui normalmente si beve un White Russian. Una bella proposta.. peccato solo per l'inversione di proporzione fra vodka e liquore al caffè, ma ti perdono ;)
    Brava Viviana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, considerando che sarebbe potuto finire nelle ganasce di qualche minorenne ho preferito così..!!

      Elimina
  3. Ma che goduria questo bicchiere, ottima interpretazione.

    RispondiElimina
  4. Citazione graditissima, bella ricetta. Brava!

    RispondiElimina
  5. Gran bella ricetta, che dà un tono all'ambiente :)
    Peccato per le proporzioni, mannaggia, perchè c'era tutto il resto (ed era difficilissimo azzeccarlo, questa volta). Ma a parte i limiti della sfida.. mi piace, mi piace, mi piace :)

    RispondiElimina