lunedì 6 febbraio 2017

Hot Milk Sponge Cake (con variazione ma stesso meraviglioso risultato)



Storia di una confezione di panna in scadenza che non voleva finire nello scarico del lavello.

(Che poi ho scoperto che ieri era la giornata contro gli sprechi alimentari, quindi sono stata anche sul pezzo, yeah!!)...

Però, cosa diamine ci faccio?
Avrei voglia di un dolce, ma non della solita panna cotta.

Avrei voglia di qualcosa di buono, che magari mangino anche i pargoli.

Ma 200ml sono anche tanti….. un po’ la uso per un dolce, un po’ per un salato?!?

Boh.


Il sabato UGGE (cioè, è incredibilmente uggioso), c’è pure allerta meteo, figuriamoci se metto il naso fuori di casa per comprare eventuali altri ingredienti. Mi devo arrangiare.

Le congiunture astrali mi portano a sfogliare facebook, dove vedo l’immagine gloriosa della Hot Milk Sponge Cake postata da Alessandra (http://anoldfashionedlady.blogspot.it), ripescata da Patrizia (http://andantecongusto.blogspot.it) : le due Signore in questione non hanno bisogno di presentazioni, ma per i pochi profani che ancora non conoscono le loro gesta culinarie sappiate che loro CE LA SANNO parecchio. 
Vietato dubitare.

E allora mi schiaffeggio un attimo, perché questa torta meravigliosa l’avevo anche già fatta, ma ovviamente non avevo avuto occasione di preparare un post ad hoc.

Mi viene allora la tremendissima voglia di rifarla, sostituendo latte+burro con la mia panna in scadenza.

Risultato: metà se la sono scofanata i pargoli.

Bè, cosa vuoi che sia?!? Direte voi.

Un miracolo, specifico io.

Non tanto per la Pargola diciottomesenne (che trangugia la qualunque) che correva avanti e indietro all’urlo di “TOTTA! TOTTA!!”, quanto per il noiosissimo Pargolo seienne, che non aveva MAI mangiato una mia torta con così tanto slancio.

Volendo la si può accompagnare con creme, cremine e cremette, certo… ma il suo top è così: in purezza.

Tutto il gusto favoloso della torta Paradiso, ma senza quello scomodo difettuccio di piantarsi lì nel gargarozzo, dove solo la manichetta per innaffiare il giardino può porre rimedio.

Questa è morbida di suo, si scioglie in bocca, è ASSOLUTAMENTE da provare.




HOT MILK SPONGE CAKE (CON VARIAZIONE)

120gr latte fresco intero + 60 gr burro (io 200ml panna fresca)
165gr farina 00
6gr lievito per dolce
165gr zucchero semolato (consigliato il fine tipo Zefiro)
3 uova media a temperatura ambiente
1 cucc.no estratto di vaniglia (e/o la scorza grattugiata di 1 limone bio)
1 pizzico di sale

Scaldare il forno a 175°.
Foderare uno stampo da 20/22cm (io 22) con carta forno.
In una ciotola setacciare bene farina e lievito per 2 volte.
Sciogliere il burro nel latte aggiungendo anche l’estratto di vaniglia e la scorza di limone se vi piace.
Poi spegnere e togliere dal fuoco.
(Io, avendo usato solo la panna, ho saltato questo passaggio).
Nella planetaria montare le uova, aggiungendo lo zucchero a pioggia, poco per volta, fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
Poi cominciare ad incorporare le polveri, sempre setacciando e poco alla volta, mescolando bene dal basso verso l’altro con una spatola di silicone.
Una volta esaurite le polveri ed ottenuto un impasto omogeneo portare nuovamente il latte sul fuoco: una volta iniziato il bollore incorporarlo in due volte nel composto, sempre mescolando bene.
(Stesso procedimento per la panna: portare alle prime bollicine e poi incorporare come descritto sopra).
Versare quindi nello stampo e cuocere per circa 30/35 minuti (per me 35’ sono stati perfetti).
Fare comunque la prova stecchino al centro della torta.
Lasciare stemperare per 10 minuti, poi sformare e fare raffreddare su una gratella.




Enjoy the "totta" !!!!

Nessun commento:

Posta un commento